Glossario

D - Glossario - Gioielli Shopping Online Bari  Puglia - centrogemme
A B C D F G I L M O P Q R S T Z

D


Diamante

Il diamante è carbonio puro cristallizzato a grande profondità con l'azione di alte temperature e pressione di fenomeni vulcanici.. Due sono le caratteristicche principale di questa pietra: l'incredibile durezza e la straordinaria lucentezza. Nella tabella delle durezze secondo Mohs occupa il decimo posto, e, infatti il suo stesso nome deriva dal greco "adamas" che vuol dire, appunto, indomabile. Plinio il Vecchio nella sua "Storia Naturale" dedica un intero capitolo al diamante e scrive che per riconoscerlo si faceva una prova colpendolo con il martello su un'incudine: il diamante respingeva il martello facendolo vibrare. Il metodo per tagliarlo, mediante l'utilizzo della sua stessa polvere, fu scoperto nel XV secoloe, fino a quel momento la lavorazione prevedeva esclusivamente la politura. Inattaccabile agli agenti chimici, il suo colore può variare da "incolore" a giallo paglierino, cognac, rosa, azzurro, verde, rosso e nero. Ogni diamante è distinto da quattro parametri che lo identificanoe stabiliscono il valore: il colore, la purezza, il taglio, il peso o caratura.

Diaspro

Appartiene al gruppo dei quarzi-calcedoni, chimica ossido di silicio, il suo nome rimanda alla sua principale caratteristica: variegatura, in greco antico, infatti, vuol dire pietra variegata. Il diaspro è una varietà del calcedonio e la presenza di sostanze estranee determina le striature. Il colore varia da rosa chiaro al marrone scuro, al rosso-arancio, al verde. Ad ogni colore è stato dato un nome specifico: Eliotropio o diaspro sanguigno verde maculato di rosso; Diaspro xiloide color legno; Diaspro brecciato fondo brunastro con venature rosse; Diaspro zebrato varietà sudafricana con fondo nero e venature bianche; Mookaite varietà australiana con fondo rosa e venature rosa scuro; Diaspro di Nunkirchner varietà tedesca grigio bluastro; Plasma verde cupo poche venature.